Citazioni del libbrone

< Indice >

< prec ind> < succ ind>

Il conflitto pensionistico

Appendice XII: Citazioni del libro

http://www.dirittoegiustizia.it/news/23/0000094499/Il_regime_imbecillocratico_e_la_finanza.html

______________________________________________________________________


  • Paolo Rosa, Welfare per la crisi, in Diritto e Giustizia, Giuffré, 7 ottobre 2016. URL consultato l'8 ottobre 2016.

Per saperne di più Vi invito ad andare sul Libbrone di MPR in ...


______________________________________________________________________


Come ipotizzato nel libro “Il conflitto pensionistico” di Paolo Calloxi, forse lo Stato si è accorto che con il regolamento in gestazione i tributi quali sono i contributi previdenziali vengono trasformati in capitale di rischio con operazioni che alterano il mercato dei capitali e che si configurano come aiuti di Stato. ______________________________________________________________________


Da tempo Paolo Calloxi nel suo “Conflitto pensionistico” in Wikipedia sostiene, con condivisibili argomentazioni, che le Casse dei professionisti sono amministrazioni pubbliche e il recente diniego del MEF al regolamento sanzioni di INARCASSA lo conferma.

______________________________________________________________________


Se volete documentarvi sul conflitto pensionistico in Italia vi consigliamo questo link: https://const.miraheze.org/wiki/Il_conflitto_pensionistico il vecchio link è corrotto

______________________________________________________________________

  • Io nel libbrone mi ci perdo. E' pari alla sete di conoscenza a metà strada tra le neuroscienze ed il misterium iniqitatis.

Avv. Lucia Iannone

______________________________________________________________________

  • Stanno distruggendo il Paese, e il conflitto pensionistico e' solo una delle grandi magie con le quali ESSI(1) stanno riempendo le loro tasche plasmandoci con le loro in-civilta'. E tu? E tu resti su quell'autobus che viaggia follemente e pericolosamente contro mano, contro Carta. E grida pure quanto vuoi. Nessuno ti ascolterà nel fragore dei loro "privilegi"!

Ti sarà concesso un unico finale. Che tu lo voglia oppure no. A meno che......... non cercherai di studiare, di capire, di agire. Non sara' mai troppo tardi. Mai. Ma sara' sempre piu' complicato. E nel frattempo molti, ingiustamente, patiranno le pene dell'inferno.

---

Nel tuo viaggio verso la conoscenza, pero', non dimenticare "mai" che:

I. Il primo bene di un popolo è la sua dignità;

II. L'uomo in quanto persona è il fondamento ed il fine della società;

III. La dignità umana ha la stessa forma e materia della giustizia;

IV. La dignità umana come radice di tutti i diritti fondamentali non è suscettibile di bilanciamento con nessun diritto fondamentale singolare;

V. La dignità umana si pone al di sopra degli ordinamenti giuridici, dei sistemi politici, delle dottrine morali, poiché questi traggono da essa la loro giustificazione ultima.

---

Come sancito dalla Carta fondativa di questa Repubblica, la quale riconosce, ed afferma, 'la pari dignità sociale dei cittadini, prima ancora di prescrivere che essi devono essere eguali'.

(1) Chi sono ESSI?

Sono coloro che ad ogni livello ed in ogni comparto si sono ben radicati e fabbricano le regole da baro in cui sei immerso.

Massoneria e anche qualcosa di piu'.

Una valida descrizione del perché esistono e vivono, comunque, lho trovata nel blog di orizzonte48, di Luciano Barra Caracciolo, Consigliere di Stato, ora Presidente di sezione, uno dei pochi luoghi della rete che vale davvero la pena frequentare:

Essi vivono perché non siete più in grado di distinguere i vostri pensieri dai loro slogan.

E siccome i vostri pensieri - intessuti dai loro slogan - sono ciò che utilizzate per definire i vostri fini, non siete più in grado di distinguere i fini di ESSI, che divengono i vostri.

A tanto arriva la manipolazione dei pensieri e la indistinzione dei fini, che voi stessi arrivate a censurare i pensieri che potrebbero liberarvi.

ESSI, in tal modo, appaiono esseri umani come voi, accomunati da una visione che appare definire ogni possibile descrizione della realtà; e rende ESSI persino capaci, in apparenza, di condividere esigenze e sentimenti.

Ma ESSI non pensano di essere come voi e a voi riservano solo il disprezzo e l'asservimento che deriva dall'instillare i loro slogan.

Essi non pensano di essere come gli "altri" esseri umani: Essi odiano l'umanità e la concepiscono soltanto come una qualsiasi altra materia prima, o risorsa, da sfruttare fino all'esaurimento.

---

Cos'altro dire? ..

Sii Libero, prima di tutto!

Avv. Silvio Ulisse


______________________________________________________________________

CommentiModifica

  1. Cyrano



ReferencesModifica

Template:Reflist