Il conflitto pensionistico/Diritto a prestazione di previdenza sociale pubblica

Da const.
< Il conflitto pensionistico
Versione del 11 dic 2016 alle 22:17 di Paolo C (discussione | contributi)
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
Jump to navigation Jump to search

< Indice >

< prec > < succ >

< A1 - Glossario della previdenza sociale >

Il diritto a prestazione di previdenza sociale pubblica, nell'ordinamento italiano, nasce direttamente dall'art. 38 della Costituzione che prevede quali sono le situazioni di bisogno che lo Stato tutela attraverso organismi predisposti.

Il diritto a prestazione di previdenza sociale pubblica è quindi inserito all'interno della teoria costituzionale nel diritto della previdenza sociale.

Dal punto di vista pratico il diritto a prestazione di previdenza sociale pubblica viene attuato attraverso leggi di diritto pubblico che prevedono i requisiti necessari per il suo conseguimento.

Casistiche[modifica | modifica sorgente]

Si dice che un sistema pensionistico pubblico applica il modello universale quando il diritto a prestazione di previdenza sociale pubblica è garantito a tutti i cittadini senza distinzioni.

Si dice che un sistema pensionistico pubblico applica il modello previdenziale corporativo fascista quando il diritto a prestazione di previdenza sociale pubblica è assicurato in modo distinto a seconda del tipo di occupazione, del sesso, delle modalità di contribuzione, dell'età, del tempo e di altre caratteristiche particolari.