Il conflitto pensionistico/Disinformazione

< Indice >

< prec > < succ >

< 12 - Spoliazione del pensiero>


La disinformazioneModifica

La definizione di disinformazione data dal Papa è "Dire le cose a metà, quelle che più fanno comodo in modo che chi ascolta non si possa fare una opinione corretta della realtà".

Per anni mi sono basato su questa definizione e su quella di Wikipedia che ritenevo esaustiva.

In realtà, seguendo le vicende del conflitto pensionistico degli avvocati, mi sono reso conto che tale definizione è fuorviante. Anche il Papa ha fatto disinformazione.

La disinformazione è dire le cose a metà in modo che chi ascolta non si può fare una idea della realtà, ma non è detto che chi la faccia abbia un vantaggio dal fare disinformazione.

Va distinta la disinformazione tra quella fatta da un nemico, quella fatta da un nemico sotto la copertura da amico e quella fatta inconsapevolmente da un amico.

Nel primo caso la disinformazione è fatta per mantenere un modo di pensare mainstream in quanto se un nemico si inventasse una cosa falsa e la ripetesse, non può avere seguito per ovvie ragioni di credibilità. Chi la fa è dichiaratamente per mantenere i privilegi che derivano dal sistema basato sulla disinformazione.

Nel secondo caso, la disinformazione è fatta da un nemico sotto copertura e in questo caso ha un effetto micidiale in quanto è facile cadere nella trappola se non si hanno le conoscenze per confutarla.

Questa può essere fatta o per far cambiare posizione su un argomento o per mantenere un gruppo nella ignoranza istruita. Chi la fa ne trae vantaggi anche se non dichiarati pubblicamente.

Il terzo caso della disinformazione è quello fatto da un amico inconsapevolmente ossia come megafono della ignoranza istruita di cui è vittima. In questo caso chi la fa non solo non ne trae vantaggio ma anzi si ritrova danneggiato dalla sua attività inconsapevole di disinformazione. Questo caso può essere incoraggiato da persone coperte che nelle pubblicazioni che fanno il controllo sociale, danno spazio alla loro diffusione ossia invitano il malcapitato a diffonderle.




< 12 - Spoliazione del pensiero>

< Indice >