Il conflitto pensionistico/Gestione collettiva tributaria per cassa delle situazioni di bisogno

Da const.
< Il conflitto pensionistico
Versione del 1 gen 2018 alle 17:18 di Paolo C (discussione | contributi)
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

< Indice >

< prec > < succ >

< A1 - Glossario della previdenza sociale >

La gestione collettiva tributaria per cassa delle situazioni di bisogno è la modalità di gestione dei sistemi pensionistici pubblici senza patrimonio di previdenza.

Essa contempla in primo luogo, la definizione delle situazioni di bisogno in base a leggi di diritto pubblico che possono essere la tutela nel periodo di vecchiaia compresi i superstiti o di disoccupazione o di invalidità o inabilità.

La gestione collettiva è quindi demandata ad istituzioni pubbliche o amministrazioni pubbliche che erogano un servizio pubblico essenziale.

I costi del servizio sono coperti con il finanziamento pubblico che deriva o dall'imposizione fiscale attuata direttamente dall'ente o con i trasferimenti da altre amministrazioni pubbliche.

In questo caso non vi è un rapporto sinallagmatico tra i versamenti effettuati dall'utente e le prestazioni pensionistiche.

Il caso italiano[modifica | modifica sorgente]

In Italia le amministrazioni pubbliche che gestiscono i sistemi pensionistici pubblici senza patrimonio di previdenza sono gestite con i principi della contabilità finanziaria.

Note[modifica | modifica sorgente]


Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Questa pagina è uno stub Questo modulo è solo un abbozzo. Contribuisci a migliorarlo