Il conflitto pensionistico/Steady state

Da const.
< Il conflitto pensionistico
Versione del 13 ott 2016 alle 19:11 di Ulisse (discussione | contributi) (Creata pagina con "<!--{{capitolo |Libro=Il conflitto pensionistico |NomeLibro=Il conflitto pensionistico |CapitoloPrecedente=Servizio pubblico essenziale |NomePaginaCapitoloPrecedente=Il confli...")
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)


< Indice > < A1 - Glossario > < prec > < succ >

La situazione stazionaria del sistema pensionistico, in inglese steady state, è una ipotesi teorica che prevede la costanza degli iscritti, dei pensionati, dei redditi, delle pensioni e degli importi delle stesse nonché altri indicatori macroeconomici per valutare gli equilibri della gestione finanziaria di un sistema pensionistico occupazionale corporativo.

Applicazione[modifica | modifica sorgente]

Lo steady state è una situazione teorica che per casse di previdenza composte da gruppi omogenei di lavoratori non si realizza mai.

Una verifica della inesistenza dello steady state è data dalle casse di previdenza fallite e successivamente assoribite dall'INPS. Esse sono diverse decine.

Per spiegare l'inesistenza dello steady state si parla anche di estinzione delle professioni.

Le casse di previdenza corporative sono maggiormente soggette anche al rischio demografico ed economico.

La condizione più vicina allo steady state è conseguibile con un sistema pensionistico pubblico universale ossia che raccoglie tutti i cittadini lavoratori o tutti i cittadini.


Note[modifica | modifica sorgente]



A1 - Glossario