Michele Buscè

Da const.
Versione del 31 ott 2019 alle 00:39 di Paolo C (discussione | contributi)
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

< Indice >

< prec > < succ >

< prec ind> < succ ind>

< Autori >


2019 10 30[modifica | modifica sorgente]

Questa sera in rappresentanza dell' Organizzazione di Volontariato Nuove Prospettive che rappresento sono stato con il Comitato La fine della vergogna e gli abitanti del quartiere Starza di Nocera Inferiore/Superiore presso il Convento Francescano Santa Maria degli Angeli dove ho avuto il piacere di fare un intervento "di passione e ricco di particolari" sulla questione Sarno ove ho trasmesso il mio ripudio più totale ad opere di mitigazione del rischio idraulico INUTILI e ho chiesto a gran voce l'attivazione del processo di disinquinamento e bonifica del sarno.

Ho chiesto alla cittadinanza presente di attivarsi anche nella informazione e nella formazione, sapere dove vivono e come è composto il Bacino Idrografico del Fiume Sarno. Informarsi sui processi inquinanti che hanno annientato il Bacino.

Solo con l'istruzione e la formazione potremmo sconfiggere chi si alimenta di questo gap sociale. Bisogna creare momenti formativi che vadano sulla riduzione dei rifiuti come principio fondante di ogni iniziativa, che ci si formi sull'ambiente in cui si vive, in questo caso, conoscere il Bacino Idrografico del Fiume Sarno e perché conoscere le compretenze degli enti e approfondire sulla geografia territoriale. Il cittadino deve essere informato e sensibile al proprio territorio.

Portiamo nelle scuole l'educazione ambientale si, ma dedichiamo uno spazio importante alla personalizzazione dello studio delle educazione ambientale sulle criticità del territorio.

Ad esembio alla materia ambientale generale bisogna formare lo scolare sulle criticità ambientali del territorio e su come attivarsi per essere di supporto al processo di disinquinamento generale.



Indice