Stefano Sylos Labini

Da const.
Versione del 26 ott 2020 alle 14:16 di Paolo C (discussione | contributi) (→‎2019 10 20)
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

2020 10 26[modifica | modifica sorgente]

Oggi tocchiamo con mano il fallimento della teoria neoclassica: all’aumento del risparmio di quelli che se lo possono permettere corrisponde il crollo degli investimenti privati. In più l’espansione della base monetaria e cioè della moneta creata dalle banche centrali non sta alimentando il credito bancario e non produce fenomeni inflazionistici. Infine la concorrenza perfetta non esiste se guardiamo agli enormi processi di concentrazione che stanno avendo luogo nell’industria manifatturiera, nel settore energetico e bancario, nelle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione dove esistono grandi imprese price leader e market leader che controllano i prezzi e si spartiscono il mercato. Purtroppo nelle università si continua ad insegnare una teoria economica fuori dal tempo mentre la politica si muove alla cieca. Una nuova politica economica richiede lo sviluppo di nuove teorie economiche.


2019 10 20[modifica | modifica sorgente]

Ancora sto cercando di capire come è stato possibile che nel governo M5S - Lega il Presidente del Consiglio fosse un professore della Luiss e il Ministro dell’Economia fosse un esponente di centrodestra perfettamente allineato sulle direttive europee. Ora sembra che Conte sia sostenuto più dal PD che dal M5S. Mi sa che la politica è troppo complicata per me. Sono nauseato



< Indice >