Coercizione

    Da const.


    < Indice >

    < prec > < succ >

    < prec ind> < succ ind>

    < Autori >


    < Glossario del conflitto sociale >


    La coercizione è l'azione di condizionamento della volontà con l'uso della forza, per cui l'uomo, quando realizza un fenomeno umano ossia un fenomeno animale combinato con un fenomeno intelligente, agisce secondo la volontà di un fenomeno intelligente esterno che ha concepito la regola di condotta legale (intelligenza riflessiva), quindi rinunciando alla sua responsabilità, ovvero alla capacità di intendere e di volere ma limitando la sua azione umana alla intelligenza reattiva.

    La coercizione è una limitazione della libertà riducendo il fenomeno intelligente da una piena intelligenza riflessiva ad una limitata intelligenza reattiva con i limite della legalità.

    Si distingue dal consenso che contempla l'accettazione della regola di condotta legale proprio per responsabilità morale legata alla accettazione di una dottrina volontaria.

    La regola di condotta legale[modifica | modifica sorgente]

    La regola di condotta legale, in virtù della forza del diritto, viene resa obbligatoria per realizzare un fenomeno sociale nell'ambito di una struttura sociale.

    L'ordinamento, ossia l'insieme delle regole di condotta legale è l'armonia dell'élite nel senso che solo degli esperti hanno la capacità di definire una struttura sociale sia come universo fisico che per la pianta organica che per le mansioni.

    La responsabilità dell'individuo, nell'ambito di una struttura sociale, consiste nel rispetto acritico della regola di condotta legale e non in una valutazione della realtà sia razionalmente che eticamente e in una scelta da fenomeno intelligente.

    Esempio del treno[modifica | modifica sorgente]

    Per calare la teoria nella realtà vediamo l'esempio del treno.

    La struttura sociale[modifica | modifica sorgente]

    La struttura sociale comprende:

    • uno spazio fisico (Universo fisico) composto dalla linea ferroviaria con i suoi apparati e i treni;
    • la popolazione composta dai ferrovieri, i viaggiatori e i gestori dai tecnici, agli amministratori ai politici;
    • la sovranità ossia la capacità di imporre ad ognuno le regole di condotta.

    L'ordinamento[modifica | modifica sorgente]

    Il fenomeno sociale consiste nella applicazione di una tecnologia sociale con tutti i risvolti legati alle scienze assolute, ma anche alla dottrina volontaria legata alla gestione del traffico ferroviario.

    In questo universo sociale abbiamo diversi livelli di normative, con target diversi, le regole per i passeggeri, quelle per la gestione del traffico ferroviario.

    Il fenomeno giuridico, con il corollario del fenomeno monetario, è la spina dorsale della struttura sociale.

    Senza le regole non esiste la struttura sociale, ma senza la struttura sociale non esistono le regole.

    L'armonia dell'élite[modifica | modifica sorgente]

    L'armonia dell'élite consiste nel progetto sociale, quindi nel caso del servizio ferroviario, in tutti gli aspetti ad esso legati.

    È da notare, nell'esempio scelto chela vita di molte persone è affidata comportamento obbligato di alcune figure chiave.

    Si è visto in alcuni recenti incidenti ferroviari dovuti al cosiddetto "fattore umano".

    Dall' esempio si evince chiaramente che il passeggero non ha nessuna voce in capitolo.

    Quindi sono gli esperti, l'élite che decidono a priori come si devono svolgere i rapporti sociali.

    Ciò consiste, per alcune figure, in una codifica delle operazioni da svolgere, a significare che le indicazioni che vengono dall'élite sono quelle che deresponsabilizzano chi le esegue in quanto sono quelle che reggono l'armonia dell'élite.

    Quindi la struttura sociale si regge su un progetto sociale, anche se lo stesso è in continua evoluzione per il feedback che alimentano i comportamenti dei soggetti coinvolti.

    Il collasso delle strutture sociali[modifica | modifica sorgente]

    Dalla pandemia 2020 all'8 settembre, gli esempi di collasso di una struttura sociale non mancano, ed in questi casi diventa evidente che l'uomo non può vivere al di fuori delle strutture sociali, e soprattutto che con lo sviluppo della società tale dipendenza aumenta in quanto si diventa un ingranaggio sempre più piccolo di un meccanismo sempre più grande.

    Rapporto coercizione struttura sociale[modifica | modifica sorgente]

    Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

    http://www.treccani.it/vocabolario/coercizione/

    https://it.m.wikipedia.org/wiki/Coercizione

    Collegamenti[modifica | modifica sorgente]




    < Autori >

    Indice