Conflitto sociale legale/Disinformocrazia

Da const.
Jump to navigation Jump to search

< Indice >

< prec > < succ >

< Conclusioni >

"Un tale, accortosi che i cretini erano la maggioranza, pensò di fondare il Partito dei Cretini. Ma nessuno lo seguì. Allora cambiò nome al partito e lo chiamò Partito degli Intelligenti. E tutti i cretini lo seguirono"


Giovanni Falcone "Dove comanda la mafia i posti di comando vengono dati ai cretini"


Bertrand Russell Il fatto che un’opinione sia ampiamente condivisa, non è affatto una prova che non sia completamente assurda. Anzi, considerata la stupidità della maggioranza degli uomini, è più probabile che un’opinione diffusa sia cretina anziché sensata.


Manuale per la gestione della Disinformacrazia

La disinformacrazia è il termine che riassume in se tutte le spiegazioni ed analisi fatte nelle 1000 pagine circa del libro.

La disinformacrazia è un regime fasciocomunista-mafioso-massonico, che fonda il suo potere dell'ignoranza sviluppando uno Stato di diritto con la tecnica della spoliazione legale ossia illegittimo costituzionalmente, grazie alla complicità della università italiana e delle false organizzazioni al fine di affermare le istituzioni di mobbing sociale.

La disinformacrazia è un regime in cui la sovranità appartiene al popolo dei disinformati inconsapevoli che si fanno rappresentare da una élite di "cleptocrati disinformatori consapevoli.

Nella disinformacrazia si confronta una élite di cleptocrati che a differenza di altri casi di potere autoritario, agiscono con l'inganno ma nella legalità e quindi, non con la violenza o la forza e, una massa di disinformati inconsapevoli li sostiene con il proprio lavoro nel rispetto di un ordinamento in cui vige la legalità illegittima.

Gli disinformati inconsapevoli sono di due specie, quelli attivi che ci mettono la faccia e che si adoperano attivamente al sostegno democratico dei cleptocrati legali e quelli passivi che si astengono dalla lotta politica lasciando la strada libera a chi li saccheggia.

Nell'disinformacrazia l'élite sfrutta i principi della legge fondamentale della imbecillità umana.

Nella disinformacrazia i gruppi di pressione esercitano il potere attuando programmi politici che non corrispondono alle promesse elettorali ed al programma politico ed alla ideologia professata.

Parafrasando Falcone, seguendo i soldi trovi la mafia e similmente seguendo il patrimonio preda trovi la spoliazione legale, seguendo la puttanatologia trovi la disinformacrazia.

Mafia e spoliazione legale, così come la spoliazione illegale e la corruzione sono sottoinsiemi della disinformacrazia.

L'assenza dello Stato di diritto[modifica | modifica sorgente]

Lo Stato di diritto è rappresentato da un ordinamento legittimo costituzionalmente.

Nella disinformacrazia, l'ordinamento è illegittimo costituzionalmente.

Come è già stato chiarito per la spoliazione legale, 99 leggi su 100 sono conformi al dettato della Costituzione.

La centesima legge, quella che è fondamentale per la difesa dei diritti sociali e umani, va palesemente contro la Costituzione e l'Ordinamento è strutturato in modo che la sua eliminazione è molto difficile, fa impiegare anni e nel momento in cui una legge viene dichiarata incostituzionale, se ne fa un'altra dello stesso tenore.

E' già stato chiarito nel capitolo della spoliazione legale come funziona la spoliazione costituzionale e i limiti della Costituzione italiana incostituzionale.

Gli stakeholders della disinformacrazia[modifica | modifica sorgente]

Si dividono in due gruppi: l'élite e i saccheggiati.

Il conflitto è endocorporativo ossia anche tra imprenditori, pensionati, lavoratori, avvocati, ingegneri, disoccupati ecc. e non tra classi o corporazioni.

Ciò avviene attraverso la segmentazione sociale legale.

Fanno parte dell'élite:

  • Il disinformatore;
  • il burrocrate;
  • il professore lombrosiano;
  • il giornalista venduto;
  • il politico facciaculizzato.

Tutti questi sopra elencati sono dei mettitori di faccia.

  • i poteri forti.

Questi sono le élite non mettitori di faccia

Fanno parte dei saccheggiati:

  • gli ignoranti;
  • gli ignoranti istruiti;
  • i beccaccioni;
  • il disadattato;
  • l'imbecille;
  • Il figurante imbecille.

I saccheggiati che ci mettono la faccia sono disadattati pazzi.

I saccheggiati che non ci mettono la faccia sono i leoni da tastiera, gli studiosi, gli indifferenti.


Il disinformatore consapevole[modifica | modifica sorgente]

Il disinformatori consapevole è colui che è a capo di una istituzione di spoliazione legale e che diffonde le notizie false al fine di poter successivamente attuare le normative di spoliazione legale.

Il burrocrate[modifica | modifica sorgente]

I burrocrati i gestori amministrativi del regime imsonobecillocratico che IMPIEGANO ANNI a fare quelle cose che , con le leggi chiare e non interpretabili, in un regime democratico si risolverebbero in pochi minuti.

Il professore lombrosiano[modifica | modifica sorgente]

È colui che insegna alla università e che, essendo a libro paga delle istituzioni di spoliazione legale, diffonde le imbecillità tra le figurine di imbecilli.

Il giornalista venduto[modifica | modifica sorgente]

Il politico facciaculizzato[modifica | modifica sorgente]

Il potere forte[modifica | modifica sorgente]

Rientrano tra i poteri forti: la mafia, la finanza, la massoneria, i fondi pensione, i sindacati.

I saccheggiati

Gli ignoranti[modifica | modifica sorgente]

Vedi ignoranza, asimmetria informativa


Gli ignoranti istruiti[modifica | modifica sorgente]

Vedi ignoranza istruita

I beccaccioni[modifica | modifica sorgente]

I ‘beccaccioni’ ,LL che non sono in grado di verificare la bontà di una notizia o di decodificare un linguaggio satirico. [1]

Il disadattato[modifica | modifica sorgente]

È colui che resiste alla manipolazione delle masse usando l'intelligenza.


INTELLIGENZA: Intelligenza:

"Complesso di facoltà psichiche e mentali che consentono all’uomo di pensare, comprendere o spiegare i fatti o le azioni, elaborare modelli astratti della realtà, intendere e farsi intendere dagli altri, giudicare, e lo rendono insieme capace di adattarsi a situazioni nuove e di modificare la situazione stessa quando questa presenta ostacoli all’adattamento; propria dell’uomo, in cui si sviluppa gradualmente a partire dall’infanzia e in cui è accompagnata dalla consapevolezza e dall’autoconsapevolezza."...... "Il problema sta tutto in un filo invisibile che non tutti hanno, anzi molti pensano di avere ma la vita ha dimostrato che non è così ed allora non gli resta che poter giudicare quelle persone che nel bene o nel male sono o sono state qualcosa. La vita gli ha riservato solo questo e lo sarà per sempre. CIT. Polibio (storico antica Roma). Questa è la pura verità per tante persone.....

I disinformati inconsapevoli[modifica | modifica sorgente]

I disinformati inconsapevoli sono gli oggetti della spoliazione legale, controllati con la tecnica della manipolazione delle masse da imbecillocrati, professori universitari lombrosiani, giornalisti venduti.

Sono le vittime della spoliazione legale che, essendo infarciti di ignoranza istruita, sono doppiamente vittime della élite, la prima in quanto saccheggiati, la seconda in quanto appoggiano apertamente gli imbecillocrati, i quali ne hanno disperato bisogno.

I disinformati inconsapevoli[modifica | modifica sorgente]

I soggetti della spoliazione legale, controllati con la tecnica della manipolazione delle masse da disinformatori consapevoli, professori universitari lombrosiani, giornalisti venduti.

Policies[modifica | modifica sorgente]

Le policies sono le finalità dei gruppi di interesse.

Esse prevedono sia una analisi della realtà che un traguardo da raggiungere e le modalità per raggiungerle.

Le élite hanno le policies, ossia sono gruppi di interesse che elaborano la realtà, si organizzano per fissare un traguardo, trovano le modalità per raggiungerlo.

Chi ha le policies sono gruppi di interesse che si tramutano in gruppi di potere in quanto lo esercitano.

I saccheggiati sono senza policies, ossia non riescono a creare un gruppo di interessi e pertanto non elaborano la realtà e non fissano dei traguardi. L'unico traguardo che raggiungono è di mantenere ed amplificare il saccheggio delle élite.


Il controllo sociale[modifica | modifica sorgente]

Il controllo sociale è lo stesso di quello descritto per la spoliazione legale ed avviene tramite la segmentazione del controllo sociale

Manipolazione delle masse[modifica | modifica sorgente]

Presentazione di puttanate e imbecillità da parte di disinformatori consapevoli, professori universitari lombrosiani, giornalisti venduti.

Sinonimi[modifica | modifica sorgente]

< Conclusioni >

< Indice >