Conflitto sociale legale/Perché la spoliazione legale si rinnova

Da const.
Jump to navigation Jump to search

< Indice >

< prec > < succ >

< Conclusioni >

Farsi consigliare dall'avvocato è come farsi suggerire la cravatta dal boia

(Paolo Calloxi)

Il superamento della spoliazione legale è già stato affrontato nel capitolo dedicato, qui si spiega perché si rinnova.

Il ruolo dell'imbecillità diffusa[modifica | modifica sorgente]

Nel contrasto alla spoliazione legale si è visto che tutto si fonda sull'imbecillità diffusa.

La sua eliminazione contempla l'istruzione di massa che viene impedita sia a livello istituzionale che dalla mancanza delle risorse da chi vorrebbe combatterla.

Il conflitto tra élite e saccheggiati è un conflitto asimmetrico in quanto durante il suo svolgimento il saccheggiato continua a finanziare il suo nemico.

Se vi leggete Sun Zu e l'Arte della Guerra, capirete che in queste condizioni è impossibile una vittoria.

In pratica al saccheggiato, anche se diventa istruito e consapevole del saccheggio, mancano le risorse per coinvolgere quelli che appartengono al suo gruppo di interesse, per ribaltare la situazione.

Anche se ciò dovesse avvenire, a causa della segmentazione legale e sociale, sarebbe comunque una battaglia singola mentre la spoliazione legale portata avanti dalle élite è su infiniti fronti e in continuo rinnovamento.

Il ruolo degli avvocati[modifica | modifica sorgente]

Inoltre il ruolo degli avvocati nella società civile è un ruolo corporativo ossia si interessano esclusivamente delle loro problematiche di gruppo mentre per le competenze giuridiche che hanno, dovrebbero essere i portavoce di tutte le istanze contro la spoliazione legale, di tutti i gruppi di interesse dei saccheggiati, contro i gruppi di potere.

Gli ingegneri, quando fanno i ponti, li fanno per la collettività, non è che distinguono i ponti che fanno per loro, da quelli dove passano tutti gli altri, i medici, se scoprono una medicina, la diffondono universalmente, non è che la tengono per curare se stessi e i loro familiari ed amici e lasciano la medicina omeopatica per tutti gli altri.

Gli avvocati, quando fanno le leggi, le fanno ai fini della spoliazione legale, altrimenti finirebbe il motivo della competizione politica.

Quando parlano della loro attività, difendono il ruolo costituzionale della loro attività come se fossero speciali.

Tutte le attività svolgono un ruolo costituzionale.

L'idraulico deve far bene il proprio mestiere per far avere dell'acqua potabile ed un ambiente salubre, un insegnante a cui si affida l'istruzione dei propri figli, non svolge un ruolo costituzionale?

Quando viene approvata una legge illegittima costituzionalmente, è come se un ingegnere ha progettato un ponte che non si tiene o un medico applica una terapia che uccide.

La legge di spoliazione legale è per definizione illegittima costituzionalmente.

Certo, può capitare e capita che un avvocato rappresenti la questione di legittimità costituzionale al giudice, ma è troppo tardi per uno stato di diritto.

La violazione della legge deve essere già avvenuta per poter arrivare a questo punto.

E' come se un ingegnere ha già visto cadere un ponte e con i morti sotto chiede di riprogettare l'opera.

Quando si solleva la questione di legittimità per una legge incostituzionale, il cittadino onesto è già stato costretto a violare la legge e a diventare un delinquente nei confronti della società e delle istituzioni, salvo unA possibile ma spesso improbabile riabilitazione a posteriori.

Questa condizione è già stata spiegata bene da Bastiat nei suoi testi sulla spoliazione legale, più di 150 anni fa.

La professione del giurista avvocato è quindi connaturata con quella dello spoliatore legale in quanto destinato ad applicare norme incostituzionali, quando non partecipe della redazione delle stesse.

Ecco perché la spoliazione legale si rinnova. E' una utopia pensare ad un ruolo degli avvocati come corporazione nella società diverso da quello che hanno storicamente sempre rivestito di supporto ai gruppi di potere.

D'altra parte, in 5 anni che seguo la questione previdenziale dei liberi professionisti, non ho mai letto una proposta praticabile fatta da un avvocato.

L'acquisto dell'opposizione[modifica | modifica sorgente]

Chi fa opposizione, anche se ha capito tutto della tecnica della spoliazione legale, alla fine si ritrova senza le risorse economiche per sopravvivere ed è costretto ad attingere a quanto fornito dalle élite con leggi di spoliazione legale, tradendo di fatto i suoi principi.

Sto aspettando l'avverarsi di questo punto.

< Conclusioni >

< Indice >