Fratellanza massonica

Da const.


< Indice >

< prec > < succ >

< prec ind> < succ ind>

Storia d'Italia massonica


Church Militant: Italy's Freemasons Celebrate 'Fratelli Tutti'. https://www.churchmilitant.com/news/article/italys-freemasons-extol-fratelli-tutti


ExPartibus: Introduzione alla Massoneria. https://www.expartibus.it/introduzione-alla-massoneria/


2019 07 21[modifica | modifica sorgente]

Vengono i massoni :. Figliolo, vieni a vedere, arrivano i massoni... Chi sono? Loro... quelli che camminano dall'oriente all'occidente e da nord a sud, con i piedi ben saldi nell'universo. Perche ' la terra trema ad ogni passo che danno? Perche 'ognuno ha il peso di un tempio eretto alla verita'. Da dove vengono? Non hanno confini, la terra è la loro casa e il cielo è il loro tetto, formando una razza senza colore e di tutti i colori, ma hanno dei segnali che li rendono diversi dagli altri. Come li riconosci? Portano il silenzio in bocca e il dito presto per segnalare l'ingiusto, il falso e l'ipocrita. Stare tra loro è come essere a casa, non hai bisogno di maschere, basta essere te stesso. Quanti tipi di massoni esistono? Due, quelli che sono luce e quelli che sono ancora boccioli. Di questi ultimi ci sono molti ma dei primi pochi; di questi primi possiamo aspettare tutto, visto che i loro volti sono lisci, non hanno rughe né permettono popolare, non temono nulla perché per essere luce hanno dovuto morire per la vita profana per finalmente poter vivere . Vengono dal grembo della terra per vedere la luce ed essere luce, la stessa che illumina la strada dei suoi fratelli. Tutto comincia e tutto finisce dentro, nella sua anima, lasciando il bozzolo come farfalle. Si sono trasferiti e hanno lasciato la pelle vecchia per una nuova che è piena di luce :. Massoni senza frontiere.

Facebook 15 luglio 2019[modifica | modifica sorgente]

Arrestate l’avv. Mario Postizzi il Licio Gelli ticinese grande maestro di obbedienza massonica deviata, ovvero promotore e direttore di associazione segreta di tipo mafioso (che si avvale della forza di intimidazione del vincolo associativo (giuramenti estremi ed eccessivi) e della condizione di assoggettamento (vincolo di obbedienza) e di omertà (segretezza) che ne deriva per commettere atti illeciti e per acquisire il controllo di attività economiche, forensi, appalti, servizi pubblici e/o per realizzare profitti e vantaggi illegali) grande imbroglione e bugiardo: trucca e tarocca i processi con atti giudiziari contraffatti (piazza sentenze italiane tarocco targate Cassazione Roma nei processi svizzeri) grande falsario: falsifica le prove grande ladro ed assassino (sono 10 anni che organizza saccheggi ai miei danni, è il mandante del tentato assassinio di Xenia Peran sui sentieri di Gandria nell'agosto 2015) grande corruttore di pubblici ufficiali e magistrati, grande malvagità fatta persona e gran mediocre, senza etica e senza cultura, non rispetta le leggi, non rispetta le sentenze che non è riuscito ad aggiustare e/o pilotare, in una parole si reputa legibus solutus grande potentato che dirige come fosse "cosa sua" la magistratura ticinese: controlla le loro nomine e gestisce le loro carriere (tramite l’affiliazione nella massoneria previo tesseramento di partito politico) con il fine di pilotare i processi ed ottenere sentenze aggiustate, ovvero una giustizia a misura dei suoi clienti pregiudicati, riciclatori internazionali, bancarottieri, frodatori sparsi, faccendieri, amici, fratelli e cortigiani assortiti, con le loro declinazioni,

e vi spiego come fa questo soggetto indegno e criminale a fare pressioni intimidatorie sui magistrati e funzionari pubblici: la qualità di massone viene anteposta a quella di pubblico amministratore e ai suoi doveri civici: la segretezza del rapporto massonico è strutturale e risulta amplificata da una serie die altri vincoli: quello gerarchico (diverse formule impegnano solennemente a “prestare aiuto e assistenza a tutti i fratelli liberi muratori sparsi su tutta la superficie della terra”, quello di solidarietà incondizionata tra fratelli (l’ingresso nella massoneria determina un vincolo indissolubile e permanente di affiliazione e di obbedienza, non essendo previsto un recesso volontario, quello dell’indissolubilità dell’appartenenza, che impongono al massone, peraltro destinato a rimanere tale per tutta la vita, a rispettare gli ordini superiori e a non tradire i fratelli. L’effettività del coacervo di queste regole viene, infine, sugellata da una sorta di supremazia riconosciuta alle leggi massoniche rispetto a quelle dello Stato. Questa segretezza strutturale, già da sola, è sufficiente per creare, da un lato, un rapporto d’incompatibilità con l’ordinamento giuridico in vigore, e dall’altro, un rapporto di compatibilità con le mafie, risolvendosi in un meccanismo di pacifica convivenza e di tutela reciproca. Segreto che determina un pericoloso sconfinamento dai principi di riservatezza fino a dar luogo a entità occulte allo Stato e in conflitto con il suo ordinamento.

Per queste ragioni (primato assoluto della fratellanza tipo setta, vincolo di obbedienza, superiorità delle leggi massoniche a quelle dello Stato) l’appartenenza alla massoneria è incompatibile con quella di pubblico ufficiale e di magistrato.

Esempio pratico: un magistrato massone deve favorire l’avvocato massone, ovvero la parte incappucciata a discapito di quello “laico”, in barba alle leggi ordinarie democraticamente stabilite, in barba alla Costituzione e spesso in spregio ai più elementari principi di giustizia e buon senso. Certo i magistrati massoni si prodigano a mascherare le loro decisioni criminali con sragionamenti di parvenza giuridica e legale. Ne deriva una corruzione per appartenenza ovvero una corruzione di sistema. Con una magistratura così operante si minano alle radici le fondamenta stesse dello Stato e della democrazia: in primis l’autonomia e d’indipendenza della magistratura quale valore sacro della democrazia e della separazione dei poteri. In uno Stato di diritto la Magistratura è il massimo organo di garanzia di una corretta convivenza fra i cittadini. Se settori della Magistratura e singoli magistrati non agiscono per la difesa di quella legalità di cui dovrebbero essere gli integerrimi custodi, ma per fini propri o per esaudire gli ordini della scuderia partitica e/o massonica, diversi da quelli di giustizia, allora casca l’asino, ovvero si rompe il contratto sociale che dovrebbe tenerci insieme.

E così si spiega quello che davvero non va nella magistratura: quella sua cultura autoreferenziale che tende a identificare sempre di più la giurisdizione e la stessa giustizia come una “cosa loro”, da gestire secondo logiche opache e senza alcun obbligo di renderne conto ai cittadini e alle altre istituzioni. Lo si vede anche nei processi: le decisioni che i giudici assumono sono per lo più incomprensibili, sembrano rispondere a logiche extragiudiriche che spesso hanno poco a che fare con il fatto reale sul quale dovrebbero pronunciarsi. Una magistratura di questo tipo sostanzialmente ingiusta nelle sue decisioni, rappresenta un danno, e non una garanzia, per i cittadini.

PQM è assolutamente necessario arrestare Mario Postizzi, il Licio Gelli ticinese.


Sarà il caldo ma sinceramente ne ho le ..... piene di sentire che esistono troppe obbedienze o logge sovrane, forse non abbiamo capito una cosa: Essere Massoni non ha una etichetta con sopra scritto "made in GOI" o "made in GLRI" o "made in GLDI" o made in vattelapesca. Il framassone HA l'appartenenza in terra a SE STESSO e al reciproco fratello...di qualunque sia la comunione dove dà il suo contributo alla esecuzione del Disegno Universale...già, il disegno universale. Come c.... possiamo parlare di Consapevolezza di un Disegno Universale se poi tracciamo dei confini all'Uguaglianza che si prefigge la Massoneria. E ora fatemi il piacere di non tirare fuori per l'ennesima volta una "certificazione dop/doc" di terreno Riconoscimento di questi o quelli... Non esiste nessuno al mondo o Terracqueo che SIA abilitato dal G.A.D.U. a mettere un bollino di autorizzazione/certificazione a essere Riconosciuto Massone...da qui la risposta "i miei fratelli mi riconoscono tale"...chi ha scritto ciò nei catechismi di grado dei rituali massonici non era uno stupido. Noi possiamo solo rispettare una semplice cosa; La Fratellanza. Tale fratellanza viene meno con i riconoscimenti o mettere i paletti a questa o quella "associazione di uomini" che si cimentano alla costruzione del Comune intento di ogni Massone...la Regolarità dei Lavori. Questa Regolarità è quel nostro tentativo di "autocostruzione" e Rispetto a ciò che vorremmo comprendere per attuare, il Disegno...


Ciao. Non ti conosco personalmente. Ma c.... se hai ragione. Mi meraviglio che tu non capisca che ai vertici della Fratellanza ci sono profani che per una poltrona (a volte con appannaggi considerevoli) farebbero guerra ai loro fratelli di sangue. Immagina se pensano lontanamente alla riunificazione. Ho stampato il libro “Documenti”. Ci sono le foto dei documenti originali che il SGC del RSAA, Fausto Bruni, presentò nella causa vinta contro il GOI, dove si dimostrava che sul territorio Italiano era l’unico l’erede e che tutti gli altri abusano nel definirsi appartenenti al RSAA. Tutto è rimasto invariato. Questo non lo trovò importante, ma trovo importante che quasi tutti non sappiano perché siamo fratelli e che tale stato viene a decadere quando la fondamentale ragione viene a mancare. Non dico quale sia la ragione perché entrando in Loggia è palese ma se non hai occhi per vedere non è giusto che sia un altro ad aprirti gli occhi.


Rocco Amato mio carissimo Fratello parli di Fausto Bruni e mi commuovo; io venni Iniziato proprio nella Sua Gran Loggia Generale d’Italia nel 1987. Partecipai alla fondazione (scellerata) della GLRI ed oggi sono un grande ufficiale della GLUI, ho abbracciato l’Emulation e sono soddisfattissimo


Daniel Ares Tommasi. Io sono stato iniziato nel 1991 nella Generale presentato da Gianni L. R. Nella GLUI La Murat fu la prima a fare le tornate in Emulation ed io ero il MV. Sono stato grande ufficiale quando il GM era Michelangelo C. Oggi sono a Palazzo Vitelleschi perché segui Gianni. Frequento anche un movimento dove in 12 anni credo di aver raggiunto un grado pari a un compagno ma con una conoscenza è un livello di coscienza che nel RSAA pochi o quasi nessuno ha neppure nei gradi più alti, giudizio basato su tutti i fratelli che ho conosciuto fino ad oggi. Credo tu lo conosca, Osvaldo A. mi ha dato lo spunto per iniziare il viaggio.


Stefano Dossi non vorrei ricordare male. Forse iniziammo l’Emulation nella GLRI.


Rocco Amato assolutamente si; dietro la FALSA PROMESSA da parte di “GdB” che di lì a poco ci sarebbe stato riconosciuta la possibilità di ricostituire, regolarmente, l’accampamento Scozzese. Ricordi benissimo. Grazie TFA 🌿


Purtroppo ho una sola copia del libro. Tutte le altre le ho regalate. Non ho più la tipografia, ora ho un ristorante.


Rispetto l'istituzione Massonica di cui faccio parte e certamente , come ogni mattone , umile ed insignificante, al cospetto dell'universo, cerco, tento, di incidere , come una goccia nell'oceano, affinché il Tempio universale , cresca e si innalzi , in modo armonioso. Questa per lo meno, dovrebbe essere l'obiettivo di ogni fratello e di ogni sorella, ognuno nelle proprie possibilità . Purtroppo ahimè , spesso , i nemici della massoneria , esercitano ruoli all'interno della stessa . Le divisione, le lotte interne, le correnti, deviano spesso , il vero valore del l'istituzione stessa. Ritengo però che l'istituzione in se, si ponga degli obiettivi onorevoli che, spesso vengono disattesi da noi stessi fratelli e sorelle che , ogni tanto alcuni, spesso molti altri, hanno scavato dell prigioni al vizio, non idonee alla loro pericolosità.. Bisogna lavorare molto ma, sopratutto non abbassare la guardia controllando il vero nemico, noi stessi.


Concordo Daniel Ares Tommasi, è mia opinione che, purtroppo, ci sono : gli iscritti alla Massoneria ed i Massoni


È dura far capire certe cose....il potere, anche microscopico fa gola.. altro che abbandonare i metalli... Giordano Bruno è morto da un pezzo...anche per i massimi.. purtroppo.... TFA


Vedrò di trovare i file da qualche parte.


Mio Carissimo Daniel buonasera a te; ahinoi i MASSONI hanno perduto ben più di un “Segreto”; in vero abbiamo perduto il senso iniziatico della parola “FRATELLO” ed a tal proposito ho un aneddoto da raccontarVi: come molti sanno nel 1992 l’Obbedienza dalla quale provenivo (Gran Loggia Generale d’Italia o “Logge Bruni” come eravamo noti partecipò alla fondazione della GLRI.......in tempi diversi tutti noi ex Bruni la lasciammo. Io rimasi iscritto solo a Londra nella “Motherland Lodge 3861”. Nel 2017 entrai in Gran Loggia Unita d’Italia (sempre Emulation). Un giorno un Fratello della mia Loggia mi chiama per chiedermi se conoscessi qualche Fratello medico in quei di Genova; non conoscendone chiamai un altro Fratello della GLRI il quale alla mia domanda :” ......Caro, c’è qualcuno dei “nostri “ nel tal ospedale di Genova?” Mi rispose:” dei nostri? Ma tu non hai cambiato Obbedienza?”. Ecco, in questa risposta c’è tutta la POCHEZZA dei FINTI MASSONI che popolano le Obbedienze italiane.


Fratello carissimo, l'altra settimana ho dovuto fare un giro di telefonate proprio per un caso simile, onestamente ho avuto più dimostrazioni di fratellanza che nel tuo caso che spero si sia risolto. La risposta che hai ricevuto da una cotanta testa di c.... spero rimanga isolata e chi lo circonda lo saprà valutare mi auguro. In questi bisogni si vede il fratello e l'opportunista scalatore di una scala che non è di Giacobbe ma solo terreno/materiale. Quell'iscritto non merita il tuo e il nostro tempo per descriverlo, anche perché essendo toscano sarei troppo "colorito" di dispregiativi... Perdonalo e passiamo oltre e casomai strusciamo la suola delle scarpe sul marciapiede se lo calpestiamo. Buona continuazione fr Stefano Dossi, tfa









Indice