Gennaro de Falco

Da const.
Jump to navigation Jump to search

< Indice >

< prec > < succ >

< prec ind> < succ ind>

< Autori >




































2020 05 23[modifica | modifica sorgente]



nel mio smanettamento notturno di ieri mi sono imbattuto nel celeberrimo film la nave bianca di roberto rossellini, era un film di propaganda fascista del 1941 con vere scene di battaglia navale con tanto di saluti al duce e vive Re poi nel 44 lo stesso rossellini girò roma città aperta, io non commento racconto ...




La libertà dopo la dittatura




nessuno lo obbligava a fare la nave bianca allora come del resto Luchino Visconti. che pure è esistito.




Gennaro de Falco insomma non doveva lavorare




vedi la tua risposta sintetizza la nostra peggior cultura franza e spagna purchè se magna.



Gennaro de Falco la dittatura a questo serve



Gennaro de Falco tu hai vissuto le leggi razziali, la devastazione della II guerra mondiale, il sabato fascista, l'olio di ricino, le deportazioni? No? Sei fortunato




Fu autore di una trilogia fascistissima e di una trilogia antifascistissima





quali furono gli altri della trilogia fascistissima ?



la nave biana è bellissimo




Gennaro de Falco l'uomo della Croce, 1943, sulla guerra in Russia e Un pilota ritorna, 1942, sulla guerra in Grecia




non lo sapevo



insomma ha cambiato idea ancora pi velocemente di quanto pensassi.



pure è un abilità, io da uomo da perfetto insuccesso quale sono e voglio restare non ci sarei mai riuscito .







Gennaro de Falco il fascismo fu un fenomeno più complesso di quello che si è raccontato. Nel dopoguerra fu tutto un tentativo di cancellare le tracce. E molti, quando proprio non era possibile negare il passato, si inventarono una favola: si, all'apparenza erano fascisti ma in realtà facevano parte di una fronda interna per abbattere il regime




2020 04 28[modifica | modifica sorgente]

cronache napoletane due, ieri sera è accaduto un fenomeno collettivo che, se io fossi un sociologo mi avrebbe fatto riflettere tantissimo; come è noto dopo una gara a chi sceriffa di più è stata autorizzata o come si usa fastidiosamente e secondo me impropriamente dire "consentita" la consegna da parte dei ristoratori del cibo da asporto e sono finalmente tornate le pizze si dice ben sessantamila, si è subito scatenata una sorta di gara di solidarietà e tutti coloro che potevano me compreso perchè qui dieci euro non tutti li hanno, si sono messi ad ordinare parossisticamente me compreso. detto ciò un famoso paninaro detto puok che si è reso famoso sul web ha richiamato dalla cassa integrazione i dipendenti ha fatto la spesa chiamato i riders e si è preparato lavorare ed far lavorare, ma i zelantissimi vigili urbani si sono scatenati e dopo una serie di indicazioni contraddittorie hanno fatto saltare tutto gettandolo in un pacato sconforto, lui ha fatto una diretta web , la voce si è diffusa in un battitibaleno il suo video si è fatto virale , tutti i giornali nelle edizioni on line ne hanno subito parlato la politica si è spaventata facendo a gara ed ha ammesso l'errore assicurando che la cosa sarebbe stata chiarita e risolta . Questo per dire che alla fine la coscienza sociale che prende forma sul web è viva, efficace e funziona benissimo e garantisce la difesa sociale, insomma il gregge ora ha gli strumenti per difendersi e farsi sentire anche senza e nonostante quel costosissimo pezzo di carta precompilato che chiamano scheda elettorale con su scritti i nomi di figli ed amanti che ci propinano ed impongono di tanto in tanto , forse le intuizioni dei 5 stelle non sono del tutto sbagliate almeno in questo. Buon lavoro Puok e grazie per il tuo coraggio il tuo impegno e la tua pacatezza .

2020 03 23[modifica | modifica sorgente]

dunque nei promessi sposi si racconta la peste e le rivolte per il pane, la peste nella sua variante contemporanea la stiamo vedendo quello che ancora non vediamo sono le rivolte per il pane, il governo se ne rende conto e quindi prova a dare quello che può e ritiene tenuto conto che manteniamo a pensione completa in albergo una bella quantità di risorse secondo me supereremo l'epidemia, ma avremo comunque le rivolte. qualche sintomo io lo percepisco come fatto isolato, mi hanno detto che è stata scassinata una gioielleria al vomero e rapinato un supermercato , purtroppo succede sempre, è vero che succede ma quelli che come fanno l'avvocato vivono dall'interno le pulsioni in tutti gli strati della società , come ho già scritto sanno che molte persone sono letteralmente alla fame e non lo dicono per non pagare il nostro lavoro lo dicono spontaneamente e direttamente e sappiamo che è vero, poi c' è tutta una fascia di illegalità marginale che dice meglio che faccio il posteggiatore abusivo che vendo le sigarette di contrabbando , la roba falsa che altre cose e per altre cose intendono furti e rapine e poi tutti coloro che vendono il fumo al minuto e che sono una moltitudine sconfinata, basta passare per qualsiasi strada della movida e si sente il fumo dell'hashis ovunque e anche loro sono fermi. Tutta questa gente ha o a breve avrà FAME, il che significa che a breve, molto a breve, tutta questa paglia in una maniera o nell'altra si incendierà, la società è strana e volubile, un giorno si inventa i forconi, un giorno i gilet gialli ed un altro le sardine, poi le dimentica ma nel frattempo il fuoco si accende e si accenderà, che fare nulla se non difendere il difendibile noi stessi e le nostre famiglie, quando? ma chi può dirlo io penso quando si allenterà il coprifuoco o magari anche prima chi lo sa, per il problema non è se il problema è quando, nelle carceri c' è già stata una strage con tredici morti passata del tutto sotto silenzio ma nelle strade non potranno mai dire che ci sono suicidi di massa con il metadone, oggi ci sono i cellulari ed internet .

2020 03 22[modifica | modifica sorgente]

un sistema politico che si basa (in via prevalente) sul consenso non funziona e lo ha dimostrato, io adoro la libertà ed i diritti civili ma bisogna intervenire. tutti sapevano la pericolosità dell'epidemia altrimenti in cina non avrebbero fatto quello che hanno fatto per arginarla ma se le misure di contenimento si fossero fatte prima del contagio (forse) il contagio non si sarebbe diffuso ed il polito che le avesse imposte avrebbe fatto una brutta fine e quindi nessuno si è assunto la responsabilità, nei tribunali la rivolta per la chiusura è partita dagli avvocati e forse per questo abbiamo in parte limitato i danni ma questo del rapporto con il consenso non è un problema italiano è un problema dell'occidente.


https://const.miraheze.org/wiki/Perch%C3%A9_l%27imbecille_indotto_ti_schiavizza


Questa osservazione è importantissima per il libbrone che sto scrivendo dal 2013. Il regime è imbecillocratico, il consenso è degli imbecilli indotti inconsapevoli. https://const.miraheze.org/wiki/Perch%C3%A9_l%27imbecille_indotto_ti_schiavizza

2020 01 12[modifica | modifica sorgente]

mi pare un' impostazione a dir poco soprendente, frequento i tribunali da circa 40 anni ed ho visto più e più volte divergenze di giudizio a dir poco sorprendenti trai vari gradi di giudizio . Ho visto imputati assolti in appello con il 129 vale a dire assoluta evidenza della loro estraneità alle accuse e che da un' eventuale condanna avrebbero avuto la vita rovinata, ho visto nei tribunali cose che nessun umano potrebbe immaginare, vite salvate per capelli in appello ed anche in cassazione. Proposte del genere sono vere follie, dicono male non fare e paura non avere, nulla di più falso, chi commette un reato in genere pianifica e quindi studia anche i modi per farla franca e se è abile spessissimo ci riesce, chi è senza difesa è colui che si vede tra capo e collo il processo non chi lo mette in contro e per questa ragione l'appello non dico che sia indispensabile per me è non è neppure da mettere vagamente in discussione.

2019 12 17[modifica | modifica sorgente]

a proposito dei tempi della giustizia e di come viene "amministrata" e delle colpe degli avvocati in questo stato di cose mi vedo dolorosamente costretto raccontare le mie ultime interazioni con questo "pianeta" ; tra miei clienti c' è o meglio c' era, uno che invece di campare con il reddito di cittadinanza e/o delinquere, per le imperscrutabili spinte dell'animo umano ha deciso di provare a lavorare e trova o meglio avrebbe trovato lavoro come commesso in un negozio in un comune diverso da quello di residenza per giunta in provincia di Napoli ma ha la sorveglianza speciale e non può uscire dal comune dove vive, allora che fa, chiede l'autorizzazione al Tribunale per andare a lavorare ma nessuno risponde, poi si confonde si incasina , fatto sta che va a lavorare, nel frattempo il tribunale che secondo me poteva e doveva decidere subito gli fissa l'udienza per decidere sulla sua autorizzazione al lavoro tra cinque mesi, quando la misura sarà probabilmente anche cessata, come se il negozio aspettasse a lui, i carabinieri vanno al negozio per controllare sul lavoro lo trovano li e lo arrestano a finisce in galera questa volta subito per essere andato a lavorare ( così un'altra volta impara e si toglie definitivamente il vizio). Altra storia, come tutti sanno ma pochi ammettono ormai il conflitto familiare da noi è una specie di cassa integrazione per avvocati civilisti e penalisti, in particolare bastano due sms o una guardata alla tua ex o che lei dica che ciò si è verificato e si finisce in galera perchè il tuo sms la ha messa in ansia. Poi lo stato paga sempre le spese delle vittime o presunte tali e quindi le denunce fiocccano, ed io come tanti di noi difendo molti di questi tapini e devo dire che gli stessi giudici di genere femminile anche pubblicamente affermano di essere perfettamente consapevoli di questo stato di cose che a me pare assurdo ma, un pò la politica con i vari codici rossi e paonazzi , un pò le pressioni sociali e così va e poco o nulla allo stato si può fare, Imputato ultra cinquantenne statura uno e cinquanta, corporatura esile, insomma non farebbe nè potrebbe fare paura neppure ad una mosca ma, come moltissimi sta in galera perchè si teme che possa fare qualche altro sms o similia, ieri udienza, io e la solita parte civile che si accinge a chiedere alla signora se è ansiosa, come se non si sapesse che l'ansia è il male del secolo e se l'ansia dipenda dal marito ( io pure sono ansioso anzi ansiosissimo ho l'ansia da prestazione, da posteggiatore abusivo, da f24, da bollette da cliente scostumato insolente ed insolvente , da giudice arrogante ma per queste mia ansie che arricchiscono i farmacisti in galera non va mai nessuno ) ma il giudice non c' é e tutta l'udienza si rinvia ad un anno, arriva una bella neo neo giudicessa che mi da lezioni di comportamento e cui spiego che vado in aula da prima che i suoi genitori si conoscessero e che so che comanda lei e lei devo dire un minomo abbozza, il tutto mentre solo il mio crudelissimo imputato che era e sta in galera perchè la ex moglie dice di averlo visto mentre la guardava da lontano veniamo rinviati a qualche mese del resto che fa e la colpa della durata dei processi è nostra e quindi fine processo mai.....

2019 10 29[modifica | modifica sorgente]

Oggi ho l'appello di una causa per fatti del 2004 che a me non paiono assai gravi ma che la legge punisce con folle quanto inutile crudeltà, la gente vuole sangue e dolore, (logicamente degli altri) per difendersi dalla paura che si porta dentro, gli imputati sono liberi e si sono fatti o rifatti una vita, molti di loro dopo tanti anni non li avrei neppure riconosciuti, tre assolti ed uno solo condannato in primo grado a 23 dicesi 23 anni, appello del pm che addirittura sbaglia pure l'intestazione dell'ufficio dove lavora e questo per fermarmi agli aspetti meno tecnici ma che pure la dicono lunga su come si lavora in questo paese, io quando scrivo anche solo un post come questo lo leggo e rileggo e spesso ammetto di arronzare ma se lo stato deve far sentire la sua voce non ci sono virgole ripetizioni o sgrammaticature che tengano, nel frattempo nei tribunali è successo di tutto, le regole, se pure ci sono, sono cambiate più volte nella confusione più assoluta, la procedura cambia ogni giorno come le leggi speciali ed il diritto sostanziale, le norme sulla prescrizione sono cambiate tre volte, quelle in materia di stupefacenti ancora non so quante volte, quelle sulle impugnazioni ancora peggio mentre a Napoli adesso giggino regola il traffico chiudendo le strade, la tengenziale se ne cade, bonafede fa il ministro della giustizia e conte il primo ministro ed ho scritto solo quello che mi è venuto in testa, di un fatto solo sono sicuro, il domani non sarà migliore.....sono pessimista e la vedo nera, sono anche io parte del problema se scrivo queste cose, sinceramente non penso sia così, penso solo di esserne una delle vittime e neppure troppo duramente colpita, ma tu che fai ? Dico subito che faccio poco, troppo poco, perchè pochissimo posso fare e quasi nulla mi lasciano fare, Dio salvi l'Italia ed il mondo . ( lo so che in questo post ci sarebbero volute più maiuscole ma etica ed ortografia non sempre vanno d' accordo, per cui riservo la maiuscola solo all' Italia ed a Dio per chi ci crede)

2019 10 03[modifica | modifica sorgente]

Ho la percezione che la società stia cambiando prfondamente, difficile dire se si tratti di un disegno strutturato o soltanto del caso ma pare che ci avviamo ad un confuso autoritarsmo, detesto coloro che scrivono pagine e pagine di inutili sproloqui ma, complice o grazie al fatto che sono andato a dormire prestissimo e che in genere dormo poco e male quando sono a casa scrivo la mia. Del resto chi non ha interesse può saltarmi come faccio io in questi casi, questo è un discorso non solo di categoria ( l'avvocatura) o di settore ( la giustizia) ma più generale.sul tramonto dell' occidente e dei suoi valori. Qui in occidente a torto o ragione avvocatura giustizia e potere si sono sempre immedesimati, nella Roma antica il cuore di tutto erano i tribunali, a Napoli nel 1500 la città stipulava con il patrono dei veri e propri contratti, la rivoluzione francese la fecero gli avvocati, insomma con alterne vicende la classe forense e la nobiltà dirigevano e dominavano. Tutto si può migliorare ma era così, del resto anche in America la massima parte dei presidenti provenivano dall'avvocatura .Possiamo ben dire che in una democrazia il cuore è il diritto, logicamente in una visione autoritaria non è e non può essere così, non dimentichiamo che il primo presidente della repubblica in Italia fu un avvocato monarchico, poi qualcosa si è rotto. negli scorsi decenni mentre esplodeva l'albo il potere della magistraura si espandeva a vista d' occhio, forse solo la chiesa e in misura minore gli apparati dello stato profondo restarono immuni, alcuni magistrati più lungimiranti che si rendevano conto che senza di noi anche loro ne avrebbero risentito ci rispettavano o fingevano di farlo altri, secondo me miopemente, iniziarono ad accanirsi, ma l'attacco all'avvocatura fu concentrico interno ed esterno dall'interno ci fu l'esplosione degli albi spinta dalla politica forense, dall'esterno, politica ed economia si accanirono oltre misura, e quindi ci furono le lenzuolate di Bersani e le varie leggi deflattive, come mediazione obbligatoria, e via discorrendo insomma avvocati e tribunali venivano visti come un inutile costo.o una specie di problema da eliminare e bisogna dire ed ammettere che questi atteggiamenti trovarono spazio addirittura al nostro interno. mentre il numero ( troppo) chiuso a medicina ci ha fatto restare senza medici a giurisprudenza è successo esattaente l'inverso. Ora almeno per me è il momento di tirare le somme e riconoscere che come categoria e settora giustizia e diritto abbiamo perso, la magistratura è dilaniata da lotte fratiricide indecenti frettolosamente messe a tacere, mentre l' attacco all' avvocatura come classe e categoria ha dato i suoi frutti, ed i segnali sono evidenti molteplici e generalizzati, chi può paradossalmente soprattutto al nord, dove ci sono alternative, abbandona la partita, in Liguria mi dicono di numerose cancellazioni dall'albo, lo stesso in Lombardia, al sud i giovani non si affacciano o abbandonano presto ed emigrano , i concorrenti all'esame di abilitazione crollano di numero come anche gli iscrittti a giurisprudenza, diciamo che tra i giovani chi non ha solide basi politico familiari, vale a dire quasi tutti scappa, altri i meno capaci, più che resistere restano fermi, i fregati sono le generazioni di mezzo che sono rimasti intrappolati e non avranno nessun tipo di trattamento previdenziale. Oddio non voglio generalizzare, anche al sud ci sono delle lodevoli eccezioni che si sono affermate ( tra i meii discepoli ne ho avuti davvero diversi ) ma mi pare che siano davvero ecezioni Tra gli anziani, intendendo gli ultra sessantenni le situazioni sono varie, alcuni ed i più aspettano la pensione che sarà di mera impossibile sopravvivenza, altri e non molti, che sono stati lungimiranti in tarda vecchiaia avranno qualcosa e sono anche quelli che bene o male continueranno anche a lavoricchiare in qualche modo, perchè avranno modi e risorse per riciclarsi al ribasso , insomma scenari cupi per gli avvocati e per la libertà, la sottomissione avanza e noi figli dell'occidente e di quello che di bello ha saputo creare non potremo e se potremo che chiudere la porta più o meno dignitosamente.


Ha ha ha, quando due anni fa le dicevo di Cassa Forense la esaltava, ora si è ricreduto?

2019 10 02[modifica | modifica sorgente]

mi capita spesso di relazionarmi con le varie espressioni del potere da quello giudiziario a quello accademico per poi passare a quello ecclesiastico militare finanziario e politico e devo dire che il più efficiente è quello ecclesiastico, segue quello militare, poi quello finanziario imprenditoriale ma non ho dubbi nell'affermare che quello più miseramente scadente è quello politico., quello più variegato è quello dell'informazione dove ci sono alcuni veri e propri titani ed una massa assai modesta .

2019 09 09[modifica | modifica sorgente]

non ho avuto molti isegnamenti da mia madre uno era ricorrente mi diceva sempre la politica è una cosa sporca e pericolosa, penso proprio che avesse ragione.


ho visto avvocati che hanno passato l'esame di abilitazione al primo colpo e che poi non hanno mai saputo fare una causa e sono passati al primo colpo, altri validissmi e che hanno avuto importanti incarichi universitari ed hanno fatto brillanti carriere e che hanno fatto l'esame quattro e anche cinqe volte. se è per questo per alcuni anni sono stato alla scuola di specializzazione per le professioni forensi ed avvocati esercenti mi parlavano del giudizio abbreviato nel codice del 1930, ma ho anche visto sostituti procuratori generali che significa magistrati all'apice della carriere e che ingnoravano il pricipio del ne bis in idem. il tutto mentre gli impiegati li guardano stravolti, qualcuno che ora fail giudice in cassazione che sarebbe il massimo consesso della magistratura e che dovrebbe insegnare a magistrati ed avvocati come si interpreta la legge e che si dimenticava di iscrivere nel registr o degli indagati i soggetti che aveva maadato a giudizio e che poi, a reato prescritto si sono visti comunque assolvere in appellocon il 129 per non aver commesso il fatto per assoluta evidenza dell'innocenza mentre il processo era già passato per pm gip, tribunale e tribunale per il riesame, e per la cronca , si trattava di politici che con la legge severino avrebbero visto la loro carriera distrutta, ho visto imputati morti portati presenti in udienza, ho visto reperti di processi per strage ancora in corso e su cui basava tutta l'indagine che prima si diceva che erano stati distrutti e lo si certificava anche per varie volte , poi venivano fotografati in archivio, poi si diceva e certicava di nuovo che erano distrutti e che poi diceva di nuovo che c' erano, insomma cose che nessun umano potrebbe immaginare e potrei scrivere per tutta la giornata. questo è e queste sono le dinamiche che regolano le nostre vite .... ho piena fiducia.... si vabbè


ieri sono andata a Roma per un ricorso e per guardare le mie cose e le mia carte, e soprattuto per stare tranquillo e lontano dalle ambasce e rotture quotidiane, tra le questioni che ho pendenti ne ho una particolarmente assurda che riguarda il pagamento dei miei onorari per la costituzione di parte civile in un omicidio di camorra, devo premettere che un pò per timore ( del tutto giustificato) un pò secondo me per malintesa contiguità culturale di ampia parte dell'avvocatura con certi mondi quasi nessuno accetta questi incarichi ma io in questo sono un' eccezione perchè ritengo che le vittime dei reati, in particolare se di grave allarme sociale ( la sorella della vittima è impazzita ed ha tentato il suicidio) debbano essere tutelate come gli imputati, molti non sono daccordo ma io la penso così e così faccio, come difendo quando mi è capitato persone imputate di reati di natura sessuale ( ed anche qui molti colleghi storcono il naso e per lo stesso motivo) detto ciò per decidere chi debba decidere sul mio pagamento è insorta una furibonda lotta a colpi di codici e pandette tra la corte di assise di appello di Napoli e varie sezioni della cassazione sino a che, per derimere il dotto conflitto insorto la questione è stata rimessa alle sezioni unite della cassazione che, in seduta plenaria dovrà sciogliere la matassa, la domanda è ma in realtà non è tale, se in queste condizioni potrà mai essere possibile combattere la camporra posto che di questa questione alla fine della giostra si saranno occupati sino ad ora circa 30 magistrati dei più importanti ed illustri del paese, io sono solo una cosa vale a dire che devolverò i miei onorari se mai mi venissero riconosciuti per questa fase del giudizio all opedale santobono che sta salvando Noemi, almeno li qualcosa fanno e mi pare gusto sostenerli visto che nei tribunali e nella società per una ragione o per l'altr non me lo lasciano fare.


le mie previsioni sono che alle europee la lega andrà molto bene ma non benissimo, che il governo cadrà per insostenibilità delle promesse, che avremo un governo tecnico che ci riempirà di tasse che nessun governo politico avrebbe la forza di imporre, che poi si rivota, che salvini diventa premier ,questo sempre senza l'incognita G vale a a dire giudici, una volta una di loro mi disse con insistenza che quando il fatto è brutto un colpevole si trova sempre magari falso ma si trova e quindi funziona così, .va anche detto che il fattore g da salvini è stato gestito benissimo, in italia sono solo due i poteri che possono resistere al fattore g , e sono la chiesa e lo stato profondo vale a a dire apparati e servizi e salvini gli ha sempre dato sapientemente voce e forza, staremo a vedere.


quando mi iscrissi alla scuola di perfezionamento in diritto e procedura penale feci la tesi in diritto penale tributario ,pensai che fosse una materia qualificata e qualficante solo che nussuno mi fece mai fare una causa su questo, ancora non avevo capito o meglio non sapevo che non occorre saper fare le cose ma che bisogna essere nelle condizioni per farle, quindi parentele cattedre consorterie letti lenzuola e mazzette, io per la verità dopo e per vari decenni ho fatto molto ma molto di più ma è stato un puro caso la realtà normale è del tutto diversa.


leggo dei sempre maggiori ritardi della giustizia e della fuga dei giudici che possono verso la pensione anticipata, si è vero la situazione è davvero insostenibile, si perdono continuamente carte e interi fascicoli, la situazione è davvero disperata, tre domande : 1)perchè, 2) cosa accadrà 3) cosa si può fare. nel penale ci sono una serie di concause, le nuove leggi hanno reso di fatto impossibili le amnistie cui si somma il nuovo codice, chi può pagare l'avvocato oppure ha la rarissima fortuna di trovare un avvocato capace e/o che pensa agli interessi del cliente prima che ai suoi ha la sostanziale certezza dell'impunità perchè con questo codice i processi NON SI POSSONO FARE E NON sI FANNO.se a questo sommiamo il blocco della prescrizione e dall'eliminazione degli abbreviati per i reati puniti con l'egastolo l' effetto è certo vale a dire la paralisi assoluta del sistema e quindi chi può scappa e fa bene


il cortigiano non deve mai dire qullo che pensa al suo signore ma solo quello che può fargli piacere, una cosa è il cortigiano ed una cosa è l'amico, ed infatti coloro quali dissero a mussolini che l'alleanza con hitler non andava fatta e che non era possibile fare la guerra all' america fecero tutti una brutta fine a cominciare da Italo Balbo potendo se il pericolo per le scelte del capo è eccessivo l'unica cosa è tagliare la corda come fece margherita sarfatti



oggi la corte di appello di napoli, a sei anni dalla presentazione di una determinata richiesta ha sciolto la riserva e la ha anche accolta, bisogna avere fiducia e fede.


nel 2002 difesi un gruppo di persone per associazione a delinquere finalizzato allo spaccio di hashis, sentenza del 2006 , tre assolti ed un condannato a 22 anni ( poi dicono che in italia nn si va in galera) ora, 13 anni dopo hanno fissato l'appello per giugno.... vi pare normale???


il giovedì santo dell' avvocato, in una città assolata e deserta per il clima prepasquale arrivi in tribunale sperando di definire un processetto con due imputati, un banale furtarello che si trascina in primo grado ( i gradi sono tre) dal 2008 si dal 2008, undici anni!!! il giudice fa l'appello ma il teste non c' è , io chiedo di definire per prescrizione evitando spese trasferte e perdite di tempo inutile (cosa che con il progetto approvato non sarebbe neppure possibile) ma il pm insorge, non si può fare al computato è contestata un aggravante ( che poi cadrà) e quindi ci vogliono altri 5 anni, io insisto ma il giudice rinvia al 19 settembre, insomma dopo avermi intossicato il giovedì santo mi intossica anche l'onomastico. nelle more aiuto un amico collega che aspetta dal 2013 si dal 2013 la decisione di una sua istanza, dopo un serrato e doloroso corteggiamento ad una cancelliera ed apparentemente vogliosa ( LEI) metto le mani nel fascicolo e la carta misteriosa ( del 2013) riappare, la cancelliera sbianca, uhhh ma stava qua ( e dove doveva stare) e scrive sul sottofascicolo rinvenuto in cancelleria oggi 18 aprile 2019 ( sei anni dopo) ora il giudice dovrà avere le carte ( se non le perdono di nuovo) e poi decidere se e quando vorrà, poi la decisione dovrà essere comunicata ( un paio di anni) e poi se va bene eseguita ( altri 4 o 5 anni) questa è la giustizia italiana ed il mio giovedì di consueta passione.


< Autori >

Indice