Il conflitto pensionistico/Capitale nozionale

Da const.
Jump to navigation Jump to search

< Indice >

< prec > < succ >

< A1 - Glossario della previdenza sociale >

Il capitale nozionale, nel caso di uno schema pensionistico con formula della rendita predefinita sulla contribuzione e la crescita e senza patrimonio di previdenza detto anche schema NDC o Notional Defined Contribution Pension Scheme, è un parametro utilizzato per la determinazione della pensione di vecchiaia.

La definizione di nozionale deriva dal fatto che tale parametro non è associato ad un patrimonio di previdenza in quanto la capitalizzazione è simulata sulla crescita|.

Il capitale nozionale viene incrementato applicando la legge di capitalizzazione con un tasso di rendimento nozionale al posto del tasso d'interesse ai contributi figurativi stabiliti dalla norma di diritto pubblico sulle assicurazioni obbligatorie ed in particolare applicando al reddito l'aliquota contributiva pensionistica di computo.

Il tasso di rivalutazione è chiamato tasso annuo di capitalizzazione per la rivalutazione del montante contributivo individuale nozionale.

In Italia, nel 2014, per la prima volta dal 1996 tale tasso è stato negativo.

Il capitale nozionale nel sistema pensionistico pubblico italiano[modifica | modifica sorgente]

Nel sistema pensionistico pubblico italiano, il capitale nozionale è stato introdotto con la riforma Dini.

Note[modifica | modifica sorgente]


Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Leggi[modifica | modifica sorgente]

News[modifica | modifica sorgente]

Web[modifica | modifica sorgente]

A1 - Glossario