Il conflitto pensionistico/Conclusioni

Da const.
Jump to navigation Jump to search

< Indice >

< prec > < succ >

< Conclusioni >

Premessa[modifica | modifica sorgente]

Il libro è stato scritto da un ingegnere autodidatta nel campo del diritto della previdenza sociale, nel diritto costituzionale, delle scienze attuariali, delle casse di previdenza dei liberi professionisti, delle scienze sociali, delle scienze politiche e di molte altre scienze che ho sfiorato grazie a Wikipedia.

Il libro è stato sviluppato in 4 anni di confronto su queste tematiche sia con colleghi ingegneri esperti di previdenza sia con avvocati ed infine con alcuni sporadici confronti con vari esperti grazie alle possibilità offerte da Facebook, Twitter, i blog e i contatti e-mail.

Lo studio di autodidatta è nato dalla lettura del regolamento di previdenza di Inarcassa innovato a seguito della Riforma delle pensioni Fornero.

In esso avevo subito rilevato delle situazioni palesemente ingiuste nei miei confronti e per le quali ho deciso di indagare.

Facendo una ricostruzione al contrario di tutta l'ordinamento giuridico legato alla previdenza sociale sono infine arrivato a studiare la Costituzione e la legge costituzionale sul ricorso di costituzionalità in via incidentale.

Alla fine ho capito come è possibile che il nostro ordinamento sia pieno zeppo di leggi illegittime costituzionalmente e come la casta vuole la permanenza di questa situazione.

Un ordinamento incostituzionale[modifica | modifica sorgente]

Alla fine la scoperta più inimmaginabile ed incomprensibile, che spiega esattamente come sia possibile che ci siano delle pensioni paghi uno e prendi otto e contemporaneamente pensioni che sono sotto la soglia di povertà assoluta deriva dal fatto che nel nostro ordinamento è facile che entrino delle leggi incostituzionali e che le stesse vi restino vigenti per un tempo quasi indefinito.

L'importanza della analisi del sistema pensionistico deriva dal fatto che in esso le discriminazioni sono evidenti, facilmente documentabili e che le stesse derivano tutte la leggi di diritto pubblico.

Il libro quindi, che era stato iniziato per comprendere un aspetto specifico della legislazione, ha portato ad una costatazione di livello generale per cui, una volta definita la teoria della spoliazione costituzionale (attuata con la spoliazione legale ed illegale), sulla base della analisi del diritto della previdenza sociale pubblica, la stessa ha assunto valenza generale.

Un paese senza giuristi[modifica | modifica sorgente]

Nel libro mi sono spesso avvalso della necessità di fare un glossario ad hoc per spiegare i concetti.

Il termine di giurista l'ho usato per distinguere chi è capace di valutare una legge nei suoi contenuti e quindi di apprezzarne la legittimità costituzionale, rispetto a chi ne applica i precetti, funzione che ho ritenuto propria dell'avvocato.

Quando un avvocato dimostra, con fondate motivazioni, la illegittimità costituzionale di una legge, rilevando la presenza di una legge di spoliazione costituzionale, esso si fa giurista.

Di certo in Italia ci sono emeriti giuristi che sanno fare queste valutazioni, ma i loro interventi sono privi di efficacia in quanto il sistema che vieta il ricorso di costituzionalità diretto riesce ad insabbiare ogni minima censura.

Ci sono recenti sentenze della Corte Costituzionale con motivazioni senza senso, dove il giurista spiega le fallacie del dispositivo.

Se siamo arrivati al punto che il massimo organo di tutela della Costituzione ha perso la bussola, significa che lo Stato non può più funzionare con questo ordinamento illegittimo costituzionalmente.

La casta vuole un Paese ingiusto e ignorante[modifica | modifica sorgente]

Nella lunga analisi delle norme e nella verifica della loro illegittimità costituzionale, è emerso che tale situazione non è frutto di ignoranza, superficialità, incompetenza delle figure istituzionali, dei politici, dei professori universitari, dei giornalisti, dei magistrati, dei lobbisti, dei sindacalisti o altre figure appartenenti alla casta.

Le norme incostituzionali sono studiate nel dettaglio come è anche emerso nel caso del regolamento di Inarcassa, possibilmente per essere incomprensibili al comune cittadino che, come me un tempo, si fida della correttezza dei comportamenti di queste figure.

Basta leggere i verbali della commissione parlamentare di vigilanza sulle casse dei liberi professionisti per capire la partita che la casta gioca sulle teste delle persone normali.

Certo, il gioco raffinato si comprende se si diventa esperti del settore e si comprendono quindi le sfumature verbali, il detto e non detto, le connessioni economiche che ci sono dietro a certe scelte politiche.

La casta non è composta solo da chi decide queste scelte inique, ma soprattutto dalle opposizioni che non le denunciano.

Se non le denunciano per incompetenza, le opposizioni sono più colpevoli della maggioranza in quanto svolgono una funzione di validazione del loro operato.

L'istruzione unica arma di difesa[modifica | modifica sorgente]

Con questo libro ho dimostrato che l'istruzione permette di comprendere la reale situazione che altrimenti viene celata dalle istituzioni.

L'istruzione da autodidatta prendendo come base di partenza sia Wikipedia che l'enciclopedia Treccani mi ha portato a selezionare e sintetizzare tra una miriade di ragionamenti.

Se voi prendete la voce costituzione dell'enciclopedia Treccani o da Wikipedia trovate una serie di notizie, molte inutili che non vi servono a comprendere i punti che interessano.

Si leggete la fonte Costituzione della Repubblica Italiana dovete fare attenzione agli aggiornamenti riferendosi alle fonti ufficiali Costituzione della Repubblica Italiana.

Se pensate agli studi sulla Riforma delle pensioni Fornero e sulla Riforma delle pensioni Monti e sulla riforma costituzionale del 2012 vi rendete conto che la realtà che l'élite ha tenuto e tiene nascosta emerge solo dai documenti ufficiali e si comprende solo con uno studio originale.

E se vedete i glossari diffusi dagli enti pubblici che firmano i protocolli per diffondere l'educazione finanziaria vi rendete conto che se non mi fossi fatto un glossario della previdenza sociale mi sarebbe stato impossibile decifrare il sistema.

Scoprire la Costituzione[modifica | modifica sorgente]

La trasparenza la verifica dei fatti e accountability[modifica | modifica sorgente]

La rete supplisce la mancanza di trasparenza nel sistema politico italiano.

Le leggi incomprensibili ed illeggibili, la mancanza di pubblicazione delle stesse, il neolinguaggio sono gli strumenti principi dell'élite.

I giornalisti italiani assecondano questo stato delle cose ed evitano la verifica dei fatti.

Grazie a questo connubio politica giornalismo, l'ignoranza della massa prospera e l'accountability resta un miraggio.

Afrodite K un esempio di spoliazione costituzionale[modifica | modifica sorgente]

L'errore dei saccheggiati nel contrasto all'élite[modifica | modifica sorgente]

Pensare di costituire un gruppo di interesse, trasformarlo in gruppo di pressione portatore di domande, è l'ultima grande illusione propinata dei gruppi di potere.

Promuovono il lobbying di massa come soluzione dei problemi.

L'unico paura dell'élite è di essere colpita nel loro reddito e nel loro patrimonio.

Qualsiasi operazione di contrasto che non mira a contenere il furto del patrimonio preda è un aiuto alla casta.

Ad es. sfogarsi su un social network dei dettagli della campagna pubblicitaria per stimolare la fertilità ed ignorare le modalità di gestione dei sistemi previdenziali corporativi permette all'élite di finanziarsi a spese di saccheggiati.

Ancora più grave la situazione se a sfogarsi sono dei laureati che pensano di essere capaci di poter contrastare l'élite e magari ignorano anche l'inglese.

Un metodo di contrasto alla casta[modifica | modifica sorgente]

< Conclusioni >

< Indice >