Il conflitto pensionistico/Sostenibilità fiscale

Da const.

< Indice >

< prec > < succ >

< A1 - Glossario della previdenza sociale >

La sostenibilità fiscale, o la sostenibilità delle finanze pubbliche, è la capacità di un governo di sostenere la sua spesa corrente, tasse e altre politiche, a lungo termine, senza minacciare la solvibilità del governo o inadempiente su alcuni dei suoi debiti o spese promesse. Non c'è consenso tra gli economisti su una definizione operativa precisa per la sostenibilità fiscale, piuttosto diversi studi utilizzano i propri, spesso simili, definizioni. Molti paesi e istituti di ricerca e hanno pubblicato relazioni che valutano la sostenibilità delle politiche fiscali basate su proiezioni di lungo periodo delle finanze pubbliche del paese (si veda, ad esempio, ). Queste valutazioni tentano di determinare se un adeguamento delle politiche fiscali vigenti sia o meno necessario per conciliare le proiezioni delle entrate con le spese previste. La dimensione dell'aggiustamento richiesto è indicato come il gap fiscale .


Il vincolo di bilancio inter-temporale[modifica | modifica sorgente]

Non c'è consenso tra gli economisti sulla corretta criterio / definizione da utilizzare per la sostenibilità di bilancio. Il criterio più comunemente utilizzato è il vincolo di bilancio intertemporale o intertemporale condizione di equilibrio del governo:

, dove è lo stock di debito pubblico, è il tasso di interesse del debito pubblico e è il saldo primario (negativo di disavanzo primario o di governo entrate meno le spese del governo delle spese per interessi).

Vincolo di bilancio inter-temporale del governo afferma che il livello del debito iniziale dovrebbe essere pari al valore attuale delle eccedenze future. Cioè, il debito pubblico deve essere sostenuta da flussi di cassa futuri.

Molti economisti hanno espresso gravi preoccupazioni per utilizzare il vincolo di bilancio inter-temporale come definizione di fatto o criterio per la sostenibilità fiscale.

Inoltre, è stato dimostrato che, in ipotesi plausibili il vincolo di bilancio inter-temporale nella realtà, non è il criterio corretto di sostenibilità.

Gli indicatori della sostenibilità fiscale[modifica | modifica sorgente]

Ci sono molti indicatori diversi di sostenibilità fiscale. Gli indicatori misurano l'aggiustamento di bilancio necessario per riportare le finanze pubbliche a binario sostenibile. Specifiche dell'indicatore dipendono dalla definizione operativa di sostenibilità di bilancio e il quadro di modellazione economica sottostante impiegato in uno studio. Alcuni degli indicatori più comunemente usati sono i cosiddetti lacune fiscali. Ad esempio, il gap fiscale orizzonte infinito, o indicatore di sostenibilità S2 in fraseologia Commissione europea è definita come:

dove è il rapporto debito-PIL, è il tasso di interesse del debito pubblico, è il tasso di crescita dell'economia e è il saldo primario in rapporto al PIL.

Il divario fiscale orizzonte infinito dà la regolazione necessaria per soddisfare il vincolo di bilancio intertemporale in termini di cambiamento di una volta permanente andamento previsto del saldo primario in rapporto al PIL. Quindi, se ITGAP = 5%, saldo primario deve essere maggiore di quanto previsto del 5% del PIL per ogni anno futuro. Ciò potrebbe essere realizzato aumentando in modo permanente le tasse o tagliare le spese del 5% del PIL. Per derivazioni e ulteriori informazioni, si veda ad esempio,

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

A1 - Glossario