Marcia degli imbecilli

Da const.

< Indice >

< prec>

< App. XI - Revisione paritaria >

< prec ind> < succ ind>

Il conflitto pensionistico

Avvertenze

13 maggio 2017

La marcia degli imbecilli liberi professionisti[modifica | modifica sorgente]

http://www.mgaassociazioneforense.it/visualizza.asp?id1=111

http://www.mgaassociazioneforense.it/visualizza.asp?id1=112

Si è visto mai manifestare la Lega Nord insieme a Rifondazione Comunista?

Si è visto mai manifestare Equitalia insieme ai contribuenti?

Si è visto mai manifestare il CNEL insieme ai sindacati?

Orbene, quando ci chiediamo perché siamo in crisi non dobbiamo cercare le colpe in alto ma al nostro livello piuttosto basso.

Ora abbiamo una manifestazione organizzata da Organismi di diritto pubblico quali sono gli Ordini professionali che riscuotono una quota obbligatoria per legge.

Questi organismi si organizzano per manifestare pagando le trasferte e facendo la sponsorizzazione della marcia con i soldi pubblici.

A questi organismi cui è obbligatorio aderire per legge, si aggregano i sindacati. Ora se le rivendicazioni che portano avanti gli Ordini non sono sindacali, per quale motivo i sindacati vi si aggregano?

Se sono rivendicazioni sindacali, come fanno degli Organismi di diritto pubblico a fare i sindacati con i soldi delle imposte?

Il bello è che all'interno dello stesso sito di MGA abbiamo l'adesione di MGA appunto e di C27F, due sindacati, il primo di avvocati liberi professionisti, il secondo di precari vari.

I due sindacati, perseguono due legittime aspirazioni di welfare: MGA il welfare corporativo insostenibile di Cassa Forense, C27F vuole il welfare universale.

C27F porta quindi l'appoggio ad una manifestazione nazionale di chi sostiene il welfare corporativo e soprattutto alle istituzioni di mobbing sociale con una scorretto uso della cosa pubblica.

Gli Ordini che portano avanti le istanze dei liberi professionisti raccolgono, nel caso degli ingegneri, una maggioranza di lavoratori dipendenti.

Quindi con la quota dei lavoratori dipendenti vanno a manifestare per gli altri. Ma se uno non si sente rappresentato da queste istanze, poco importa, l'iscrizione è obbligatoria.

Qui si violano le più elementari regole della Costituzione e naturalmente gli avvocati sono in prima fila.

Tra i promotori abbiamo l'OCF che è un organismo di secondo livello degli avvocati votato da una ristretta minoranza di delegati che porta avanti le politiche forensi delle élite.

Questo organismo dovrebbe dialogare secondo Matteucci con C27F e lui riesce a mettere insieme le tessere di una avvocatura divisa in mille associazioni.

Poi uno si chiede se è più pericoloso l'ISIS o l'italiano libero professionista.

Ecco perché a questo punto per interpretare la realtà restano queste due opzioni: