Massoneria e istruzione

Da const.


< Indice >

< prec > < succ >

< prec ind> < succ ind>

Storia d'Italia massonica


Dal primo rituale di Cavaliere Kadosh del Rito Scozzese. Scritto a fine 700 ma attualissimo:


Sul lato opposto la scala porta incisi i nomi di quelle scienze che ogni uomo sinceramente desideroso di aiutare i suoi simili deve studiare. Nulla si può sperare o attendere da un uomo ignorante; egli è destinato ad essere per sempre un babbeo e di conseguenza uno schiavo. Un uomo istruito è libero; grazie all’educazione ha ampliato il suo intelletto, allargato la sua mente e si è avvicinato ai veri gradini del trono dell'eterna verità. Egli vede, capisce, conosce. A lui è stata data la Luce; per i suoi Fratelli può essere una guida, un maestro. Ma un uomo ignorante è cieco, vagola nel buio, cade vittima dell’impostura e della tirannia e, ciò che è peggio, molto spesso diventa uno strumento di oppressione che minaccia i suoi stessi fratelli. Egli non conosce la portata del danno che può aver fatto. La sua coscienza tace; e grazie alla sua ignoranza, l’umanità regredisce verso la barbarie e l’idiozia. Studiate allora, fratello mio, studiate incessantemente, e siate sempre guidato dalla nobile ambizione di insegnare e dirigere i vostri Fratelli. Indice