Matematica

Da const.

Matematica : fisica = grammatica : letteratura Per chi ricorda qualcosa di matematica elementare, si legge "matematica sta a fisica come grammatica sta a letteratura". La matematica è il linguaggio della fisica, senza matematica la fisica resterebbe qualitativa come ai tempi di Leonardo, grazie alla matematica può diventare quantitativa e misurare. Per leggere un romanzo occorre sapere la grammatica, per scriverlo occorre saperla meglio. Che sia fisica, inglese o greco antico, ognuno vuole la sua grammatica. Il problema è che in italia si insegnano matematica e lingue straniere allo stesso modo, parlando delle regole ma applicandole astrattamente. Risolvere espressioni è come coniugare verbi, dimostrare teoremi come enunciare le regole del periodo ipotetico. La cosa bella è invece usare la grammatica per leggere romanzi, e usare la matematica per risolvere problemi, di fisica o economia o ingegneria. Per questo vedo bene l'accoppiamento matematica+fisica, come chi insegna letteratura italiana o inglese insegna anche la grammatica che gli sta dietro. Putroppo, a parte la letteratura italiana, in Italia invece di insegnare la lingua inglese e la fisica, si insgenano la grammatica inglese e la matematica. Poi dopo 5 anni uno non sa prenotare una camera d'albergo o impostare da sè un problema. Chi è laureato in matematica spesso ha studiato poco e capito ancora meno la fisica, e la ripete a macchinetta, per cui quando insegna predilige la matematica e non sa spiegare la fisica. Poi la matematica può prendere anche vie astratte (i numeri immaginari, poi diventati utili in elettrotecnica), e anche la grammatica (l'esperanto). E ci può essere chi ama coniugar verbi (se io fossi stato, se tu fossi stata, se egli...), e chi risolvere problemi matematici.


< Indice >