Persona ficta

Da const.
Jump to navigation Jump to search


< Indice >


< prec > < succ >

< 0 - Premessa >

< Glossario del conflitto sociale >


< Glossario della previdenza sociale >


< Glossario della neolingua previdenziale>

Persona ficta è la prima definizione cui si fa riferire il concetto di Persona giuridica.


Si fa risalire a Sinobaldo de Fieschi, futuro Innocenzo III, l'elaborazione in ambito Canonico di un concetto neanche paragonabile ma comunque che in qualche modo richiama alla lontana delle analogie alla figura di persona giuridica.


Poiché la teoria giuridica dell'epoca riconosceva la persona come titolare dei diritti, volendo assegnarli ad una entità astratta, la si definì persona ficta.


L'evoluzione giuridica ha portato alla assegnazione di capacità giuridica ed anche di alcuni diritti ad una organizzazione con un patrimonio ed una destinazione.


Quella che in altri ordinamenti è una Corporation, ha mantenuto solo il primo termine della originaria definizione (legato ai diritti) cui si è aggiunto il termine corrente "giuridica" quindi la terminologia "persona giuridica" è in continuità con persona ficta.


Per ristabilire un glossario logico, la persona fisica è l'individuo che nell'ordinamento (fenomeno giuridico) diventa la persona legale titolare di diritti e destinataria di obblighi e divieti, il cittadino dello Stato.

La persona legale ha la volontà e la capacità giuridica che coincidono nello stesso individuo.


La persona ficta, sconosciuta nel diritto romano dove è presente la società composta da individui, è un artificio giuridico per imporre la volontà di una minoranza o di un singolo, nell'ambito di una struttura sociale, ad una maggioranza, ossia nell'esercizio del potere, fondato o sulla forza o sulla rappresentanza.


Il glossario del conflitto sociale[modifica | modifica sorgente]

Apprese queste nozioni, sono ritornato nel glossario del conflitto sociale per vedere come inquadrare la persona ficta con i neologismi che avevo coniato:

Fenomeno intelligente

Fenomeno umano

Fenomeno volontario

Fenomeno giuridico

La prima tentazione è stata quella di inventare un altro neologismo, ma non trovavo una logica per collegarlo ai precedenti in quanto in ognuno di essi ci trovavo un aspetto presente nella persona giuridica.


A questo punto, sulla Treccani trovo la soluzione coerente con il libbrone e la tesi del complottismo sperimentale.


La persona giuridica (ficta) viene infatti spiegata nella interpretazione classica ed in quella moderna.


Nella teoria giuridica classica è considerata una metafora della persona umana con la capacità di esprimere una volontà che si forma in base a delle regole.


Nella teoria giuridica moderna essa è vista come un ente intermedio nella determinazione dei rapporti giuridici tra gli individui.

Quando una società per azioni o un ente pubblico acquistano un bene, determinano solo un modo diverso di fruire del bene da parte degli individui che fanno parte della struttura sociale regolata dal fenomeno giuridico definito da una qualsiasi forma giuridica che viene esplicata in una persona ficta (giuridica).

Quindi le regole interne servono a mantenere un ordine sociale secondo il fenomeno volontario di chi esercita il potere.

Rappresentanti senza vincolo di mandato[modifica | modifica sorgente]

Nel diritto civile esiste la procura generale ove il rappresentante agisce in nome e per conto del rappresentato.

Nel caso della persona giuridica l'amministratore, il legale rappresentante, il presidente, il sindaco, sono tutte figure che agiscono senza vincolo di mandato in nome e per conto di una collettività.

Così come il rappresentante esprime una volontà senza responsabilità propria, ma in capo al rappresentato, così avviene per le persone giuridiche.

Quindi il fenomeno giuridico legato alla procura generale da parte di un individuo è analogo alla rappresentanza senza vincolo di mandato.

In definitiva gli obblighi legali ricadono in capo al rappresentato secondo il fenomeno volontario in capo al rappresentante.

Quindi la persona ficta come soggetto di diritto nasce con la sostituzione della volontà che si forma obbligatoriamente in capo ad un sostituto che ha la funzione di rappresentante ossia senza responsabilità patrimoniale sulle sue volontà che fanno invece capo alla persona ficta.


Il rappresentante con potere insindacabile[modifica | modifica sorgente]

Si deve anche notare che, mentre nella logica giuridica la rappresentanza appare funzionale alla personalità giuridica, nella logica politica è la personalità giuridica funzionale alla rappresentanza. [1]

La revoca della rappresentanza[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

https://www.treccani.it/enciclopedia/persona-giuridica_%28Enciclopedia-delle-scienze-sociali%29/


https://it.m.wikipedia.org/wiki/Soggetto_di_diritto#:~:text=Un%20soggetto%20di%20diritto%20indica,opera%20Commentario%20al%20Liber%20Extra.

Collegamenti[modifica | modifica sorgente]


< Glossario del conflitto sociale >


< Glossario della previdenza sociale >


< Glossario neolingua previdenziale>


< Indice >